MIA Fair Milan Image Art 2012

image
ARTEPRIMA è a Milano tra il 3 e il 6 maggio per la fiera d’arte dedicata alla fotografia, evento ideato da Fabio Castelli.

Dopo il grande successo di pubblico – più di 15.000 visitatori -, e di vendite della prima edizione, dal 4 al 6 maggio 2012 al Superstudio Più di Milano (via Tortona 27), torna MIA – Milan Image Art Fair, l’appuntamento ideato e diretto da Fabio Castelli riservato alla fotografia e alla video arte.

250 saranno gli espositori – gallerie, fotografi indipendenti, editoria specializzata e fotolaboratori, il 15% in più rispetto al 2011 –, provenienti non solo dall’Italia, ma anche dall’Europa (Austria, Francia, Germania, Grecia, Olanda, Regno Unito, Russia, Slovenia, Spagna, Svizzera e Ungheria), dagli USA e dal Sud America, che presenteranno oltre 200 artisti nazionali e internazionali.

MIA Fair nasce conl’obiettivo di distinguersi dal tradizionale schema delle fiere italiane evidenziando il ruolo trasversale che la fotografia ha assunto tra i linguaggi espressivi del sistema dell’arte contemporanea. La sua formula, unica nel panorama fieristico italiano, propone uno stand per ogni artista – ad ogni artista il suo catalogo, offrendo al visitatore la possibilità di vedere più di 200 mostre personali.

La selezione è stata svolta dal comitato scientifico composto da: Studio 3/3 photography projects, studio di ricerca sull’immagine fotografica; Gigliola Foschi, curatrice e giornalista; Elio Grazioli, critico d’arte contemporanea e curatore; Roberto Mutti, curatore e critico fotografico; Enrica Viganò, curatrice, critica fotografica e organizzatrice di eventi legati alla fotografia.

Molte sono le novità di MIA Fair 2012: al ricco programma culturale con workshop, incontri, conferenze e alla sezione dedicata ai libri d’artista e all’editoria di qualità, si affianca un padiglione interamente riservato alla fotografia fine art di moda dove, alcune tra le più importanti gallerie legate al mondo fashion di Milano, New York e Parigi, proporranno opere di artisti che hanno rivoluzionato le regole di questo particolare genere di arte.

Dopo il grande riscontro del 2011 (il 50% degli autori che si erano presentati in modo autonomo, quest’anno verranno proposti da gallerie,) sarà di nuovo attiva la sezione “Proposta MIA”, all’interno della quale si troveranno i lavori degli artisti che operano senza il supporto di gallerie.

Alla loro prima edizione anche il premio Ferrarelle e il premio BNL – BNP Paribas che, confermando l’interesse degli sponsor nello sviluppo dell’arte contemporanea in Italia, offriranno riconoscimenti ai talenti giunti al MIA Fair 2012 in maniera indipendente, il primo, e rappresentati da gallerie, il secondo.

La presenza di importanti media partner italiani – Corriere della Sera, ViviMilano, Arte, Artribune, Arskey, Exibart, Espoarte – e internazionali come le riviste Eyemazing, Dienacht e Photobook Review (Aperture) testimoniano la qualità del progetto MIA che, realizzato con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura della Provincia di Milano e con il Patronato della Regione Lombardia, gode della collaborazione di alcune delle principali istituzioni culturali cittadine.

La Provincia di Milano e la Regione Lombardia metteranno a frutto le proprie sinergie organizzando mostre nei propri spazi espositivi per fare della città una vetrina aperta sul panorama fotografico contemporaneo e non.


Padiglione Fine Art di Moda

La ricca selezione di gallerie presenti a MIA Fair 2012 sarà ampliata da un padiglione riservato alla fotografia di moda in cui esporranno le italiane Admira (Pasquale De Antonis e Ugo Mulas), Aforisma (Piero Gemelli), Archivio Alfa Castaldi; le statunitensi Cristinerose Contemporary Art (Rodney Smith), Danziger Gallery (Andy Warhol e Scott Schuman, fondatore del blog The Sartorialist), Edwynn Houk Gallery (Herb Ritts), Howard Greenberg Gallery (William Klein e Saul Leiter); la parigina Galerie Esther Woerdehoff (Michel Comte) e la viennese Photographers Limited Edition (Albert Watson).

Editoria

Il settore editoria di MIA intende offrire ai visitatori della fiera una visione sul mondo del libro fotografico che spazia dalla produzione dei grandi editori alle sperimentazioni delle piccole case editrici indipendenti, dal libro storico alle più raffinate produzioni a tiratura limitata senza escludere le nuove contaminazioni con la sfera del multimediale e l’universo del self-publishing.

Gli editori, le librerie presenti quest’anno al MIA rappresentano un panorama internazionale di alto profilo che vede partecipazioni dall’Olanda al Giappone, dalla Spagna alla Slovacchia, un panorama entro cui spicca una particolare attenzione all’editoria Italiana, non solo erede di una tradizione non abbastanza conosciuta all’estero, ma anche protagonista di una nuova stagione di particolare vitalità.

All’interno di questo contesto grande risalto verrà dato agli aspetti culturali legati al libro fotografico attraverso incontri, presentazioni, book signing ed esposizioni fra cui spicca la mostra dedicata ai 20 migliori dummies (bozze, impaginati), selezionati a Parigi dalla giuria del Dummy Award all’interno del Kassel Photobook Festival, partner culturale della fiera fin dalla prima edizione.

Qui i nomi delle case editrici e librerie presenti quest’anno a MIA: 0-100 (IT); Alauda Publications (NL); A+M bookstore –edizioni (IT); Atem books (SP); Cross Editions (FR); Danilo Montanari Editore (IT); Editrice Quinlan (IT); Die Nacht (DE); Dirk K.Bakker Books (NL-FR); Edizioni Henry Beyle (IT); Hatje Cantz (DE); HF distribuzione (IT); IF Libri (IT); Libreria Menabò (IT); Little big press corner (IT); Martincigh Libreria Antiquaria (IT); Peliti Associati (IT); Post Editions (NL); Postcart edizioni (IT); Poursuite (FR); Sputnik Editions (SK) S.T. foto libreria galleria e Centro Studi Nediza (IT); Studio Montespecchio (NL – IT); SUPER LABO (JP); Obiettivo Libri (IT); Oodee (UK); Talkinass/Antibtomicpublishing (IT); Valid Photo (SP)

Fotolaboratori

La sezione dei fotolaboratori sottolineerà l’impostazione a volte anche didattica della fiera che presenterà la loro attività per far comprendere come le diverse tecniche nella produzione delle opere segua e cerchi di essere coerente ai molteplici linguaggi di espressione artistica dei diversi artisti.

Eliott Erwitt, Kids

Lavazza proporrà a MIA 2012 una raffinata selezione di fotografie realizzate da Eliott Erwitt, nella mostra dal titolo Kids. L’iniziativa rivelerà il lato intimo e personale di Erwitt e permetterà di sostenere l’associazione Adisco (che si occupa della raccolta e della ricerca del sangue cordonale per la cura di forme tumorali infantili) attraverso la vendita di questi scatti.

Hubertus Hamm e BMW

BMW presenterà, con la curatela dell’Associazione Culturale Maurer Zilioli, le immagini di Hubertus Hamm, il fotografo tedesco che dirige le principali campagne pubblicitarie dell’azienda automobilistica. Il pubblico avrà la possibilità di ammirare le fotografie di Hubertus Hamm prodotte su commissione e quelle che derivano da un progetto puramente artistico.

Mostra di Gianfranco Chiavacci (Pistoia, 1936 – 2011)
A Gianfranco Chiavacci (Pistoia, 1936 – 2011), è dedicata la monografica composta da 100 opere.
Chiavacci, durante gli anni ’70, si accosta a un uso non convenzionale della macchina fotografica, elaborando una riflessione tra l’artista stesso e la presenza ineludibile della tecnologia, adottata, quest’ultima, sia come strumento che come oggetto virtuale delle sue opere.

La produzione fotografica di Chiavacci, caratterizzata da oggetti astratti che contengono un carattere bidimensionale, abbraccia non solo riflessioni concettuali sulla processualità fotografica ma anche ricerche sul movimento dell’oggetto nello spazio, sulla dimensionalità, sul colore e sulla definizione di tempo.

Mostra di Daniele Pignatelli e Kinky Texas
Durante MIA, un approfondimento sulla video arte sarà garantito anche dalla mostra “Io ed Esso…ergo sum”, curata da Fortunato D’Amico, che presenterà negli spazi ipogei i lavori di Kinki Texas, artista visionario, e Daniele Pignatelli, filmmaker di fama internazionale.

Il percorso raccoglierà un nucleo di video-installazioni: un film-dittico di Daniele Pignatelli dal titolo “Filò” – un tentativo di mettere in sincrono il corpo umano con il moto perpetuo del mare – e il video “Stop Disco Mafia di Kinki Texas, il cui vero nome è Holger Meier”. Accanto ad esso, alcune tele, disegni e frame inediti.

Premi

Ferrarelle spa e BNL – BNP Paribas hanno istituito due riconoscimenti per gli artisti presenti. Le Giurie, composte dai membri del comitato scientifico di MIA e da un rappresentate dei due sponsor, avranno il compito di valutare il pregio artistico e l’originalità delle opere in concorso.

Il Premio Ferrarelle, rivolto a tutti gli artisti che espongono i propri lavori nell’ambito della sezione “Proposta MIA 2012”, prevede l’acquisto da parte dell’azienda dell’opera vincitrice per un ammontare di 10 mila Euro

Dal canto suo, il Premio BNL – BNP Paribas riserverà 12 mila Euro ad uno tra gli artisti che esporranno i propri lavori tramite le gallerie.

Workshop, incontri e tavole rotonde

Alla sua seconda edizione, MIA 2012, offrirà un cospicuo calendario di incontri, workshop, presentazioni, dibattiti e tavole rotonde che si susseguiranno nelle giornate di manifestazione negli spazi di Superstudio Più.