Piano strategico per la Cultura della Regione Puglia

480 milioni di euro, questa è la cifra che nel 2016 il Presidente Michele Emiliano ha stanziato per la cultura in Puglia, chiedendo a 5 operatori italiani, scelti tra esperti di arte, economia, letteratura e rigenerazione urbana, e a 30 dottorandi universitari pugliesi, di lavorare all’analisi dei bisogni e poi alla riallocazione di tali risorse, dai bandi ai progetti per lo sviluppo territoriale. Tra questi esperti c’erano Guido Guerzoni, Biagio Giurato e Francesco Cascino.

È stato un anno di lavoro molto stimolante; abbiamo girato ogni angolo della regione, parlato con oltre 1500 imprenditori di ogni genere e grado, visitato periferie dall’anima e dall’intelligenza straordinarie, teatri e centri culturali di altissimo profilo, festival musicali bellissimi.

Poi abbiamo consegnato 187 pagine di proposte strategiche alla Regione. Punto.
image
Omaggio ad Alessandro Leogrande, qui sotto nella foto con Guido Guerzoni e Alessandro Bulgini, che ci ha lasciati molto prima di quanto avrebbe dovuto. Che riposi in pace. Un vero combattente di qualità contro soprusi ed esclusione sociale. image
image
image
image
image

Alcuni dettagli

Francesco Cascino e Guido Guerzoni, Fondatori di Arteprima Progetti, sono stati chiamati nel 2016 dalla Regione Puglia e dal presidente Emiliano per dare vita a un comitato di cinque "esperti", insieme ad Alessandro Leogrande, Patrizia Asproni e Michele Trimarchi (membro del Board strategico di Arteprima No profit) per occuparsi di progettazione culturale e sviluppo territoriale e riallocare quasi 500 MLN di euro per la cultura in Puglia. La regione, già di suo un luogo di eccezione ma con alcune aree in enorme difficoltà inclusive come Taranto e il Foggiano, ha risposto con enorme entusiasmo a questo tentativo di mettere a confronto know how e sapienze diverse per ricreare quello spirito unitario e senza categorie che genera armonie produttive, soprattutto se gli artisti vengono messi a monte di tutti i processi. Il PIIIL, questa la sigla a significare Prodotto Impresa Innovazione Identità Lavoro, i 5 punti cardine su cui i 5 consulenti hanno lavorato per quasi un anno (Cascino era responsabile di Prodotto, Guerzoni di Innovazione e poi Impresa quando Asproni ha lasciato), ha generato già alcuni bandi pubblici e soprattutto la reazione di moltissimi imprenditori pugliesi che hanno capito quanto fosse vicina all’arte la loro modalità di fare impresa.

Anche in questo caso la politica non ha dato tutto il corso che si poteva dare dopo lo straordinario lavoro dei consulenti e di tutti i cittadini che ci hanno creduto, come molti temevano, ma il processo di
Art Thinking ha funzionato benissimo e il dialogo tra il tessuto produttivo regionale e gli operatori culturali si è fatto più frequente e profondo.

Ricordiamo
Alessandro Leogrande, uno dei 5 consulenti, responsabile della sezione Identità, grandissimo scrittore che ha dedicato all’inclusione sociale e agli ultimi, i diseredati e gli emarginati tutta la sua magnifica intelligenza e tutta la sua vita, purtroppo spezzata improvvisamente poco tempo fa.
flagHome×